Una stanza tutta per il gelso. Il duca, i nodi d’amore e l’economia fiorente

aprile 1498, Milano. Il cancelliere ducale Gualtiero Bescapè scrive al duca Ludovico Sforza per informarlo che Leonardo da Vinci comincerà i lavori nella camera grande da le asse all’interno della Torre Falconiera del Castello. Leonardo risponde che sarà finita per settembre. Non si hanno notizie certe circa la funzione della camera: probabilmente destinato a cerimonie, rappresentanza ed è esposta nella parte più fredda. Ecco il motivo della decorazione con pannelli di legno per renderla più confortevole. La camera viene decorata da Leonardo come un hortus conclusus, un pergolato intricato, dove si assiste alla fioritura di sedici piante di gelso. Non si tratta di un semplice giardino illusionistico pensato per lo svago. E’ un piccolo tempio dedicato a Ludovico e a sua moglie Beatrice d’Este, appena scomparsa nel 1497. Il gelso, come riporta anche Plinio il Vecchio, è dicta sapientissima arborum ovvero tra le piante coltivate è l’ultima a germogliare ma, quando lo fa, avviene anche nello spazio di una sola notte, tanto che si può addirittura sentire far rumore. Saggezza ma anche velocità quasi feroce nella conquista del potere. Una citazione del suo nome, il Moro. Il gelso è un riferimento anche economico e un omaggio alle crescenti casse ducali grazie a questo alimento fondamentale per il baco da seta che, ormai dal 1442, Filippo Maria Visconti aveva contribuito a diffondere. I tronchi dei gelsi assumono le forme di colonne tali da creare una sorta di architettura. Il significato è davvero didascalico. Un’economia fiorente sostenuta dal gelso. Il Moro, il baco da seta come sostegno del Ducato di Milano. I nodi vinciani, che trovano spazio tra la selvaggia foresta di gelsi, raccontano dell’amore, comunque vero a dispetto della cinica politica, tra Ludovico e Beatrice. Negli ultimi studi e restauri, in occasione di Expo 2015, si è scoperto che lo spazio era chiamato la Camera dei Moroni. Una celebrazione del gelso mentre Savonarola brucia sul rogo, Vasca da Gama circumnaviga l’Africa, Colombo parte per il suo terzo viaggio nelle Americhe e scompare Caboto durante il Passaggio a Nord-Ovest.

Bibliografia: Federico Giannini, La sala delle asse di Leonardo da Vinci: un frondoso pergolato nel Castello Sforzesco, in Finestre sull’Arte, 2016

Immagine: Dettaglio Sala delle Asse o Camera dei Moroni, 1498

Annunci

La dote più ricca del Rinascimento

Il matrimonio nel Rinascimento non era di certo una cosa immediata. Spesso ci sono trattative complesse, accordi, giochi al rialzo che compiono le due famiglie interessate. Emblematico è il caso di Lucrezia Borgia sposa di Alfonso d’Este nel 1501. L’ammontare complessivo della dote è di 400.000 ducati, una cifra spaventosa per l’epoca (e per oggi). Un ducato dell’epoca corrisponde a circa 100 euro di oggi. I conti sono presto fatti: Lucrezia vale 40 milioni di euro. Perché il termine “vale”? Una donna, per quanto capace, bella e nobile, per la Corte che la ospita è soprattutto una spesa e una nuova bocca da sfamare. Quella dote è una sorte di indennizzo. Infatti Lucrezia non vedrà un solo ducato di quella enorme cifra. Secondo la legge del tempo la dote era di proprietà del marito e poteva essere restituita alla sposa in modo parziale solo se il matrimonio veniva sciolto senza una giusta causa. Lucrezia comunque riceve come benvenuto da Ercole I, padre dello sposo, uno scrigno contenente: gioielli, collane di perle, due cuffie ricoperte di gemme, catene d’oro e altri monili. Valore complessivo: 70.000 ducati. Si parla di altri 7 milioni di euro. La dote non veniva accettata e basta ma, una volta consegnata, passava alla fase di verifica, pesatura e valutazione. Ci volevano giorni e giorni prima di accertarsi che non c’erano state fregature. Ora Lucrezia e tutto il corteo di 753 persone – così racconta il puntuale cronista Marin Sanudo – può partire in direzione Ferrara per incontrare per la prima volta Alfonso.

Immagine: Probabile ritratto di Lucrezia, Bartolomeo Veneto 1500-1510 

Bibliografia: Lia Celi, Andrea Santangelo, Le due vite di Lucrezia Borgia, Utet 2019

Il Principe che stava in Fonderia

Sarebbe sicuramente piaciuto questo disegno ad Alfonso e magari avrebbe cercato di farlo suo. Possiamo solo immagine quale dialogo avrebbe avuto Leonardo sull’arte della guerraAlfonso d’Este era un principe operaio che lavorava ad una delle sue più grandi passioni ovvero la fabbricazione delle armi. E lo faceva nella grande Fonderia estense che si trovava nell’attuale piazza della Repubblica. L’edificio divenne in seguito la Posta dei Cavalli, la Beccheria Grande e la Pescheria Nuova. Le abilità di Alfonso vengono elogiate da Paolo Giovio nella descrizione di due famosi pezzi d’artiglieria celebrati anche dall’Ariosto. Si tratta di due cannoni: del Gran Diavolo, chiamato così per l’empito inestimabile, che faceva”, e il Tremuoto “per il terribil suo rimbombamento, e romore”. Giovio sottolinea che uno di questi cannoni era stato “fabbricato con sua man propria da Alfonso”. Un altro cannone prese addirittura il nome di un papa, Giulio II. La sua statua, realizzata in bronzo da Michelangelo, era stata issata sulla Porta Magna della Cattedrale di San Petronio a Bologna. Un segno politico di conquista pontificia della città dopo la cacciata dei Bentivoglio. Nel 1511, col ritorno provvisorio della famiglia, la statua venne fatta crollare e i frammenti venduti proprio ad Alfonso. Con questi venne fabbricata una colubrina chiamata la Giulia.

Bibliografia: Vincenzo Farinella, Alfonso I d’Este. Le immagini e il potere, Officina Libraria, Milano 2014

Immagine: Condottiero, Leonardo da Vinci. 1472 circa (British Museum, Londra)

Alfonso d’Este, oltre ai cannoni c’è di più

La figura di Alfonso I d’Este è stata manomessa dalla critica valorizzando soprattutto l’aspetto bellico e dell’uomo d’azione dedito alla costruzione di armi e cannoni e poco attento alle raffinatezze letterarie della corte. Paolo Giovio scrive La vita di Alfonso da Este duca di Ferrara e forse è un po’ responsabile di questa immagine viziata. Fu giudicato e tenuto da molti, che egli fussi più tosto uomo desideroso et amator d’una certa vita quieta e rimessa, che da alti e nobili esercitii, e da quelle cose le quali si ricercon nel governare uno stato. Come quello che era solito il più delle volte chiamare seco a la sua mensa segreta o artefici eccellentissimi di qualche arte […] per dar qualche recreatione e qualche piacere a l’animo. Ritiravasi oltra di questo spessissime volte in una stanza segreta, fatta da lui a modo di bottega, e di fabbrica, dove egli per fuggire l’otio dava opera con piacevoli e dilettevoli fatiche, a lavorare a tornio flauti, tavole e scacchi da giuocare, bossoli artificiosi e bellissimi di terra, a uso di stovigliai […]. Imperoché dandosi egli ancora a fonder metalli, a guisa di fabbro, e a gittar cose di bronzo, gli successe tanto bene e felicemente tale arte […]. 

Chiude Giovio con il cliché che accompagnerà nei secoli a venire la figura di Alfonso: non fu mai troppo affettato, né troppo diligente, nè nel vivere, né nel vestire. Ma godeva et si rallegrava molto, d’una certa vita libera et familiare. 

Non era così Alfonso I d’Este, non poteva esserlo con una sorella come Isabella, con un padre come Ercole I, in una città come Ferrara e in un periodo che vedeva il confronto di tutte le corti con il collezionismo e l’arte pontificia a Roma.

 

Bibliografia: Vincenzo Farinella, Alfonso I d’Este. Le immagini e il potere, Officina Libraria, Milano 2014

Immagine: Ritratto di Alfonso I d’Este. Battista Dossi, 1530 

Spostarsi tra le delizie. La costellazione dello svago estense

Delizia fa pensare ad un dolce zuccheroso. Così doveva essere l’atmosfera in questi edifici suburbani ed extraurbani costruiti a Ferrara dagli Estensi. Rappresentano la manifestazione dell’abitare nel connubio tra natura e artificio in un luogo di svago, piacere e ispasso. Alcune erano dei semplici casini di caccia e tenute agricole, mentre altre erano delle autentiche regge o palazzi usati come sedi di rappresentanza. I nomi scelti rimandano proprio all’idea del luogo ameno e dell’ozio creativo. Le più antiche sono il Palazzo Schifanoia, Paradiso e quelle scomparse di Belfiore e Belvedere a sud della città. La prima delizia di campagna, costruita nel 1435, fu quella di Belriguardo a Voghiera per volere di Niccolò III. E poi poco distanti, circa 20 km dalla città, la delizia del Verginese e quella di Benvignante. Più vicino alla città c’è il castelletto di Fossadalbero. Qui, probabilmente, è nato l’amore tra Ugo e Parisina. In tutto erano 53 e costituivano una costellazione del piacere degli Este. Tra le altre, più distanti tra i 20 e i 60 km, si ricordano Villa Mensa, Villa Zenzalino, la delizia della Diamantina e il castello di Mesola. Questa è la delizia più remota e l’ultima ad essere costruita, per volere di Alfonso II nel 1578. Ancora vent’anni e tutte le delizie avrebbero mantenuto solo il sapore di un dolce sogno.

Bibliografia: Ferrara una guida, Odòs Libreria Editrice 2018

Immagine: Delizia di Belriguardo, Sala della Vigna

Il licenzioso concorso di poesia nella Ferrara francese

Tra Mantova, Roma e Ferrara va in scena tra il 1525 e il 1535 un periodo lussurioso in versione grafica e poetica. Pietro Aretino nel 1526 compone i Sonetti lussuriosi trascrivendo in parole i disegni di Giulio Romano. A Ferrara nel 1535 alla corte di Ercole II e Renata viene indetto un concorso di poesia organizzato dal poeta Clément Marot. La città estense con la figlia del re Luigi XII risente del clima artistica francese e soprattutto delle provocanti e italianissime pitture della Scuola di Fontainbleau. Primaticcio aveva portato l’arte di Giulio Romano e pure qualche forma erotica molto vicina ai Modi. Il tema del concorso era la descrizione di una qualsiasi parte del corpo femminile con lo stile del blason. Dopo un’attenta valutazione della giuria al vincitore sarebbe andato un paio di guanti da parte della duchessa. Il successo fu grandioso. Il vincitore fu un certo Maurice Scève con una composizione sul sopracciglio. Nessuna volgarità. Solo licenziosità, versi raffinati e velate trasparenze di erotismo. Lo stesso Marot aveva partecipato con il blason intitolato Le beau Tetin ovvero “la bella tettina”. Dialoga bene con l’opera dell’anonimo francese che rappresenta i ritratti delle sorelle d’Estrées. Gabrielle fu l’amante di Enrico IV di Francia.

Bibliografia: Riccardo Rimondi, Estensi, Ferrara Souvenir 2016

Immagine: Anonimo francese, fine XVI secolo. Gabrielle d’Estrées e sua sorella

Lo studiolo di Alfonso. Gli occhi del Principe su Ferrara

La via Coperta, costruita nel 1471, è la congiunzione tra la prima residenza degli Estensi, di fronte alla Cattedrale, è il Castello di San Michele che diventerà poi l’effettivo luogo della corte. Ha le forme di un camminamento protetto che nel corso del tempo diventerà preziosa “scatola” dove i duchi conserveranno i loro tesori d’arte. Proprio qui Alfonso I d’Este farà allestire le sue stanze personali ovvero i Camerini di Alabastro, una raffinata sinfonia di sculture antiche e seducenti pitture di Dosso Dossi, Tiziano e Giovanni Bellini. Lo studiolo, che dialoga idealmente con quello della sorella Isabella a Mantova,  si affacciava sull’affollato mercato della frutta e della verdura, nella cosiddetta piazzetta delle Ortolane. Alfonso è lì, visibile e invisibile allo stesso tempo agli occhi del suo popolo. Anche se a riposo e rinchiuso nelle sue stanze d’ozio, il Principe era presente, pronto a vigliare su Ferrara e uomo dalla profonda virtus repubblicana perché dedito al bene pubblico. Otia e negotia, la perenne divisione delle faccende di corte, qui trovano un sottile punto di equilibrio. Il Principe, anche quando si ritirava nella Via Coperta, doveva dare l’idea di lanciare il messaggio “sto lavorando per voi”. Un potente messaggio politico di potere e di sicurezza.

Bibliografia: Vincenzo Farinella, Alfonso I d’Este. Le immagini e il potere, 

Immagine: Via coperta, Ferrara

Qui Ferrara. La tavola quotidiana di Ercole II

Ferrara, corte degli Estensi. Diversamente dai banchetti la tavola del duca aveva anche una vita quotidiana. Messisbugo ci fornisce il compendio calcolato. Le bocche da servire ogni giorni erano circa 100-120. Ogni giorno c’erano tre pasti: colazione, pranzo e cena. La colazione comprendeva anche fegato di maiale o di vitello. In ogni giorno da carne, in media 235, si contavano 175 libbre (60 kg) di vitello, manzo, castrato o maiale, 24 polli e 10 libbre (3,5 kg) di carne per fare le polpette alla sera. Nei giorni di pesce, in media 130, 165 libbre (57 kg) di pesce e 95 libbre (33 kg) di formaggio. E poi latte, burro, pane, vino, riso, vermicelli, legumi, verdure, frutta, bresavola, salsiccia, salami, prosciutti e mortadella. Nel corso dell’anno, per ricorrenze e festività, si aggiungono una quarantina di agnelli e capretti, quattro oche e quattro porchette. Si consumavano cinque mastelli di vino al giorno ovvero circa 2 litri a testa.

Da una rapida lettura già si capisce che la dieta quotidiana di un duca o di una Corte era comunque superiore alla nostra attuale e sbilanciata verso la carne. Per cento persone il consumo giornaliero di carne ad esempio era più di mezzo chilo. Complessivamente la tavola del duca ogni anno vedeva passare 14.922 kg di carne, 7.410 kg di pesce, 4.290 kg di formaggio, 73.000 litri di vino. Si può intuire perché la gotta fosse una delle malattie più diffuse tra i nobili del Rinascimento.

Bibliografia: Pierluigi Ridolfi, Rinascimento a tavola, Donzelli Editore, Roma 2015

Immagine: Ercole II, Nicolò dell’Abate

Una colubrina di nome Regina

A Ferrara, nei pressi del Castello, è visibile una copia di un’arma da fuoco utilizzata nel Cinquecento. Si tratta di una colubrina a cui le è stato dato il nome Regina. Fu chiamata così per la sua potenza di tiro in grado di arrivare oltre 4 km. Il suo costruttore è l’artigiano Annibale Borgognoni conosciuto come bombardiero di Trento. Annibale venne invitato a Ferrara nel 1554 dal cardinale Ippolito d’Este. L’artigiano per poco non ci lascia la vita nel momento del debutto dell’arma. Volendo dimostrare la brillantezza dello strumento perfino nel suo interno mise la testa nella canna dimenticandosi che era carica… Le cronache del tempo la descrivono come brillante e lucida più di uno specchio. La parte terminale venne abbellita da un diadema che serviva come mirino. Una vera Regina. Sul retro una figura umana che sembra sbucare per prelevare le munizioni e ricaricare il cannone. Avrebbe di sicuro attirato le attenzioni di Leonardo che già si era prodigato in studi, riflessioni e progetti anche per armi da fuoco come la spingarda.

Spingarda_a_cavalletto

Bibliografia: Ferrara una guida, Incentro, 2018

Immagine: Spingarda a cavalletto, Leonardo da Vinci

La duchessa che cambiò la moda milanese

Beatrice era sorella di Alfonso I e Isabella d’Este. Il 17 gennaio 1491, per volere della strategia del padre Ercole I, si unì in matrimonio con Ludovico Sforza di fatto signore di Milano. L’arrivo della giovanissima sposa appena quindicenne portò un fermento in città soprattutto nel campo della moda. Possedeva 84 abiti solo nel castello di caccia Vigevano. Inventò anche una nuova tipologia di decorazione per le vesti ovvero abiti a righe verticali decorati a profusione di nastrini sulle maniche. Una tradizione ferrarese portata nella Milano degli Sforza. Da Napoli invece importò la moda di raccogliere i capelli in una lunga treccia posticcia chiamata coazzone. Tutti questi dettagli accendevano la rivalità con la sorella Isabella. Così dice un personaggio del Cortegiano: “pesami ancora che tutti non abbiate conosciuto la duchessa Beatrice di Milano […] per non aver mai più a maravigliarvi di ingegno di donna”. Parola di Castiglione.

Immagine: Pala Sforzesca, particolare

Bibliografia: Riccardo Rimondi, Estensi, Edizioni Ferrara Souvenir, 2016