Giulio Romano con gli occhiali

Duolmi il non avere prima, e meglio servito V.S. scusandomi per la infermità degli occhi, che appena la domenica di Pasqua mi concesse il comunicarmi”. Così scrive Giulio Romano a Pietro Aretino il 27 aprile 1537 riferendosi ad un disegnoNon ci sono altri documenti in cui Giulio si riferisce ad un problema agli occhi ma quasi certamente si può ipotizzare, solo da queste poche righe, che lo accusava prima della data in cui scrive e che solo ha rubato questa poca d’oretta in far questo mal composto disegno. In questo momento Giulio Romano aveva terminato il cantiere di Palazzo Te, avviato la costruzione dell’Appartamento di Troia e delle Pescherie e probabilmente alle prese ancora con il Palazzo di Marmirolo. Lavora per Federico II Gonzaga da 13 anni intensi e stancanti. Il suo metodo di lavoro è diverso da quello di Raffaello. Non affida e non demanda, non ci sono allievi ma collaboratori. La parte dell’invenzione è tutta sua: idea, schizzo, disegno, cartone. Nulla lascia, tutto esegue in modo indipendente. Il lavoro da predisporre è tantissimo. Infatti sempre più si stacca dalla fase realizzativa dell’opera. Non dipinge ma dirige. Per questi motivi si può ipotizzare, più per gioco che per appurata indagine medico-storica, che Giulio Romano portasse gli occhiali. O comunque gli avrebbero fatto comodo. Quelli ad arco, senza stanghette laterali. Se non gli occhiali almeno una lente come quella che tiene tra le mani il futuro papa Leone X nel dipinto di Raffaello. La miopia ad esempio si diffonde soprattutto nel Rinascimento complice l’invenzione della stampa e in particolare con la produzione dei libri tascabili. E’ l’immagine ideale dello studioso: libro in mano e occhiali.

Bibliografia: Giulio Romano. Repertorio di fonti documentarie, a cura di Daniela Ferrari, 1992

Immagine: Raffaello. Particolare dell’opera Papa Leone X con il cardinale Giulio de’ Medici e Luigi de’ Rossi, 1519 

Annunci

Ferrara come la Mesopotamia

Ferrara era una città acquatica a tal punto da assomigliare, per ironia, al territorio della Mezzaluna fertile. La città si è sviluppata sulla riva sinistra del corso principale del Po che nei pressi del Borgo di San Giorgio si divideva in due tratti ovvero il Po di Volano verso est e il Primaro verso sud. Un po’ come il Tigri e l’Eufrate. Nelle zone in cui si sarebbe sviluppata la città medievale galleggiavano due isole note come di Polesine di Sant’Antonio e del Belvedere. Il primo insediamento di cui si ha notizia risale al 757 d.C. quando i documenti riferiscono di un ducatus Ferrarie. Si trattava di un piccolo borgo fortificato a forma di ferro di cavallo. E’ il castrum di età bizantina costruito già prima del VII secolo per fronteggiare l’avanzata longobarda e controllare il fiume. Così come le prime civiltà controllavano e governava il Nilo. Alcune vie che oggi si percorrono a piedi un tempo erano corsi d’acqua o le loro rive come le vie Carlo Mayr e Ripagrande. Appunto la grande riva.

Fotografia: Ferrara dall’alto (fonte Wikipedia)

Bibliografia: Il Castello, Corbo editore1985