Calorie e stravaganze al banchetto di Alfonso d’Este

Ferrara, 24 gennaio 1529. Nel Castello di San Michele, edificato da Bartolino Plotino, fervono i preparativi per un grande banchetto. Si festeggia il ritorno dalla Francia di Ercole II d’Este e della sua nuova sposa Renata di Valois. Il duca Alfonso d’Este si è affidata allo scalco Messisbugo. La sala grande si presenta addobbata con grandi tende ricamate e per accogliere gli ospiti si svolgerà una commedia di Ariosto. Le trombe suonano. Comincia il banchetto. 104 ospiti prendono posto in una tavola unica lunga 40 metri, sulla quale troneggiano 25 sculture di zucchero alte più di mezzo metro. Ovviamente raffigurano Ercole. Nome nomen. Al soffitto sono appesi 48 candelabri. Ogni ospite ha a disposizione un coltello, una salvietta profumata, un panino al latte, una ciambella dolce, pistacchi sbucciati, sevonea (miele, zucchero e acqua aromatizzata) e una saliera da condividere. Più di cento piatti, di carne e di pesce, usciranno dalle cucine e sfileranno, senza un ordine di gusto odierno, come seducenti corpi. Messisbugo crea un menù che fa coniuga sapori italiani, tedeschi, spagnoli e francesi. Contenti tutti e dimostrazione di grande attenzione. Il ritmo dei servizi viene spezzato da brevi esibizioni musicali. Alla fine il duca consegna i doni agli invitati. Ora si possono aprire le danze. In conclusione, per rafforzare quanto già ingurgitato, una colazione – chiamata così perché a base di zucchero. Zucca, lattuga, frutta fresca e zuccherata. Il menù era senza paragoni per l’epoca. Ogni ospite avrebbe assunto circa 30.000 calorie.

Bibliografia: Focus, n.152 giugno 2019

Immagine: Nastagio degli Onesti, Botticelli (Prado, 1483)

 

 

Annunci

AI tempi di Giulio Romano si leggeva l’Orlando Furioso

Ferrara 1526. Ludovico Ariosto a 52 anni trasloca nella sua nuova dimora che oggi si trova in via Ariosto 67. A quel tempo la contrada si chiamava Mirasole per la densità di verde presente in quella zona. Si tratta di una palazzina a due piani che fece ristrutturare dall’architetto Girolamo da Carpi. Sulla facciata si legge un’iscrizione che recita: parva, sed apta mihi, sed nulli obnoxia, sed non sordida, parta meo, sed tamen aere domus. Ovvero la casa è piccola ma adatta a me. E’ del precedente proprietario ma Ludovico l’ha mantenuta. Ai lati dell’ingresso due sedute per l’attesa degli ospiti. Proprio come dei clientes romani. Ludovico nel 1532 accompagna il duca Alfonso a Mantova che vuole cogliere l’occasione d’oro per poter parlare con Carlo V e potergli vendere i suoi famosi cannoni. Il luogo dell’incontro è Palazzo Te. Per Carlo è la seconda volta. Chissà Ludovico dove si sarà seduto al banchetto, se avrà scambiato qualche parere con Giulio Romano e quanti elogi avrà raccolto per il suo Orlando Furioso. Il testo viene pubblicato la prima volta a Ferrara nel 1516. Nello stesso anno Giulio è a Roma, ancora allievo di Raffaello e alle prese con le Stanze Vaticane, in particolare la Stanza dell’incendio di Borgo.

Nel 1532 al rientro a Ferrara Ludovico si ammala e morì dopo alcuni mesi di malattia. Il suo monumento funebre si trova a Palazzo Paradiso ed è opera dello scultore mantovano Alessandro Nani. Mantova era nel destino di Ludovico.

Fotografia: Casa di Ludovico Ariosto 

Bibliografia: Ferrara una guida, incentro, 2018

Casa_dell'ariosto

Ferrara la città dei tre castelli

Il Castello di Ferrara nasce come difesa militare non tanto per i possibili attacchi di invasori esterni ma per proteggersi dalla ribellione dei cittadini. Nel maggio del 1385 si registra una forte rivolta popolare dei ferraresi contro gli Este. L’origine di tale ribellione era da collegarsi ad anni di una soffocante pressione fiscale ormai avvertita dai ceti sociali più elevati come una cinghia troppo stretta. La posa della prima pietra avviene nel giorno di San Michele, il 29 settembre, ovvero l’arcangelo che ha cacciato gli angeli ribelli dal paradiso. Non proprio un giorno e un santo qualunque. Il messaggio di Niccolò II era chiaro. Bartolino da Novara dopo una fase di studio e rilevamenti decide di costruire il palazzo sulle fortificazione precedenti risalenti al XIII secolo.

Gli altri castelli invece sono ormai un fantasma. Oggi nella stessa area si trova lo Stadio della Spal. Nell’XI e nel XII secolo Castel Tedaldo era una fortezza composita, una rocca al di qua e una rocca al di là del Po collegate da un ponte di barche. Il nome deriva proprio da Tedaldo di Canossa, nonno di Matilde e conte, tra gli altri, di Ferrara. Gli Estensi gli diedero la forma e funzione di fortezza imprendibile. Lo cita l’Ariosto nel canto XLII dell’Orlando Furioso. E’ dal Seicento che inizia il suo declino. Dapprima raso al suolo per ricostruire una fortezza più a misura della nuova dominazione pontificia. Nel 1805 è Napoleone che in parte lo demolisce. Durante la Restaurazione serve alle truppe prima del papa e poi austriache come alloggio. Furono i ferraresi a demolirlo definitivamente una volta terminate le guerre d’indipendenza. Se ne andava per loro un simbolo di oppressione. Terminava la sua vita un castello che ha attraversato ottocento anni di storia.

Il terzo castello viene denominato Castelnuovo in relazione al Castelvecchio ovvero il Castello di Bartolino da Novara. Venne costruito nel 1428 vicino alla Chiesa di Sant’Agnese, nella parte sud della città. Voluto da Niccolò III un secolo dopo venne parzialmente demolito da Alfonso II e con il terremoto del 1570 se ne perde quasi ogni traccia. Alcune rovine però sono tuttora visibili.

Fotografia: Castello di Ferrara (fonte Wikipedia)

Bibliografia: Ferrara una guida, incentro, 2018