Le scuderie dei Gonzaga. I cavalli di raza nostra de casa

Attraversare la Sala dei Cavalli a Palazzo Te è come camminare in una scuderia. Quelli che vediamo non sono cavalli immaginari. Sono proprio i cavalli di casa Gonzaga. Più da vicino, tra gli zoccoli, si leggono alcuni dei loro nomi. Da favola, da Giostra.  Continua a leggere “Le scuderie dei Gonzaga. I cavalli di raza nostra de casa”

Uno dei toponimi più antichi di Mantova

Dallo studio delle fonti si può avanzare l’ipotesi che via Massari è forse il toponimo più antico ancora in uso nel centro storico di Mantova. Cosa c’entra con la Befana? Niente. O meglio tutto. Le “cose vecchie” a volte è meglio conservarle. Dicevamo… via Massari. Continua a leggere “Uno dei toponimi più antichi di Mantova”

La Mantova criminale tra Cinquecento e Seicento

Nella notte del 28 gennaio 1671 si consumò a Mantova un duro attacco ai Gonzaga: la Cancelleria Ducale viene violata, sfondata la cassa e prelevati i preziosi denari. Il Duca ordina le più severe indagini. Tra ombre, nebbie e misfatti. Si bandiscono Grida.  Continua a leggere “La Mantova criminale tra Cinquecento e Seicento”

Il finale di banchetto: lotteria, cotillons e si ricomincia

Dopo aver trascorso cinque ore dall’inizio del banchetto rinascimentale si è giunti alla parte conclusiva. Un ultimo momento di piccoli spettacoli per accompagnare la digestione e le ultime vivande: non solo dolci. Le sorprese per gli ospiti non sono finite.
Continua a leggere “Il finale di banchetto: lotteria, cotillons e si ricomincia”

San Silvestro e la più incredibile partita di scacchi. La chiesa, la statua, il Rio

Tutti pronti a festeggiare la notte di San Silvestro mentre la figura del Santo vicino al Rio rimane a vivere la sua vita di statua traslocata, privata della sua chiesa. Ambulante di silenzi. Occorre una piccola storia che metta ordine alle sue vicende. Eccola.
Continua a leggere “San Silvestro e la più incredibile partita di scacchi. La chiesa, la statua, il Rio”

La breve e incredibile vita di Critonio finita a Mantova

Nella Contrada di San Simone si fronteggiano in amicizia la Chiesa della Vittoria e quella dei Santi Simone e Giuda. Qui c’è la tomba di James Crichton, una tra le giovani menti più incredibili del Cinquecento. E’ una storia mantovana di pugnali, sicari e omicidi.   Continua a leggere “La breve e incredibile vita di Critonio finita a Mantova”

Street food nella Mantova di un secolo fa

Per le strade della Mantova tra Ottocento e Novecento il naso era in preda a itinerari difficili da seguire. Pentagrammi di odori che si mescolavano in chiave lombarda. La tradizione era ambulante. Piccolo viaggio di un naso curioso.  Continua a leggere “Street food nella Mantova di un secolo fa”

Vecchi mestieri nella Mantova di una volta

Le vere botteghe storiche oggi stanno quasi scomparendo. Alcune rimangono per volontà, altre per tradizione. Regione Lombardia promuove bandi e premialità per tutelare questo bene prezioso. Piccolo tour nella Mantova del secolo scorso.  Continua a leggere “Vecchi mestieri nella Mantova di una volta”

Messisbugo e il suo piatto buono da morire

Ferrara 1529. La Corte di Alfonso I si preparava ad accogliere l’imperatore Carlo V. Ad organizzare il banchetto Cristoforo Messisbugo che per l’occasione creerà la cena che per volere del Duca doveva passare alla storia.  Continua a leggere “Messisbugo e il suo piatto buono da morire”

Corso Pradella: nomi perduti di una Mantova antica

Il traffico di corso Vittorio Emanuele inganna gli occhi di un contemporaneo affascinato dal via vai di luci, macchine e insegne. Il quartiere di San Giacomo era un’altra cosa. Porta Pradella accoglieva i pellegrini, Porta Leona faceva entrare.  Continua a leggere “Corso Pradella: nomi perduti di una Mantova antica”